Domenica, 18 Aprile 2021

Il Corallo Nero di Scilla

Una straordinaria scoperta, nel Mare di Calabria, è stata la più grande foresta di corallo nero (Antipathella subpinnata), con circa 30.000 colonie presenti sui fondali rocciosi vicino a Scilla, tra i 50 e i 110 metri di profondità, mai stata vista prima in nessuna parte del mondo.

 

Con grande stupore, i ricercatori marini dell’ISPRA (ex-ICRAM), calandosi nelle profondità marine, hanno potuto osservare specie mai viste finora. Grazie al sofisticato robot sottomarino, di proprietà dell’ISPRA, utilizzato per le analisi e comandato dalla superficie è stato possibile raccogliere campioni ed osservare immagini e filmati ad alta definizione fino alla profondità di 400 metri. Attraverso tali attività, realizzate grazie al progetto sul monitoraggio della biodiversità marina della Calabria (Mo.Bio.Mar.Cal.), iniziato nel 2005 e finanziato dall’Assessorato all’Ambiente della Regione Calabria, è stato possibile studiare numerose specie di coralli, gorgonie, alcionari, pennatulacei e pesci rarissimi, molti dei quali non erano mai stati osservati nel loro ambiente naturale. Nel Golfo di Lamezia sono state osservate, a circa 150 metri di profondità, per la prima volta nel loro ambiente naturale, cinque colonie di un’altra specie di corallo nero, il rarissimo Antipathes dicotoma. Fino a quel momento, nel mondo sono stati raccolti e studiati solo 5 esemplari: l'ultimo è stato raccolto nel Golfo di Napoli nel 1946 ed è stato donato al Museo dell'Università di Harvard negli Stati Uniti.

 


Scilla non è l'unico sito in Calabria in cui sono presenti “praterie” di Corallo nero (Antipatella subpinnata).

Le foto di seguito sono state scattate in prossimità dell’Area Marina degli “Scogli di Isca”. 

--
Ringraziamo per le foto:
Ph Francesco Pacienza

 

news_parchimariniCalabria_Corallo_Nero_di_Calabria.jpg

Giornata del mare 2021


giornata del mare 2021

L'11 aprile di ogni anno si celebra la Giornata del Mare e della Cultura Marinara.

Il 13 febbraio 2018, con l’entrata in vigore del nuovo Decreto sul Codice della Nautica, è stata istituita la Giornata Nazionale del Mare (D. Lgs. 3 novembre 2017, n. 229 – Art. 52).
La Repubblica italiana riconosce il giorno 11 aprile di ogni anno quale “Giornata del mare” presso gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, al fine di sviluppare la cultura del mare inteso come risorsa di grande valore culturale, scientifico, ricreativo ed economico. La giornata ha lo scopo di sensibilizzare i giovani attraverso attività e momenti di confronto organizzati in collaborazione con il Comando generale della Guardia Costiera al fine di sviluppare il concetto di “cittadinanza del mare” e rendere gli studenti cittadini “attivi” del mare, tutori per la conservazione del bene e suoi diffusori per la cultura che esso implica.
L'Ente Parchi Marini Calabria, vista l'attuale situazione COVID, appena le condizioni lo renderanno possibile ha in programma di avviare delle attività di educazione ambientale per sensibilizzare gli studenti sulla tutela e salvaguardia del mare e delle sue specie.